Mutuo ristrutturazione prima casa: ecco perché conviene!

Richiedere un mutuo per la ristrutturazione della prima casa conviene, e parecchio: la maggior parte degli istituto di credito finanziano l’80% del valore dell’immobile. Ecco come ottenere questo prestito.

Piccole o grandi ristrutturazioni?

A seconda dell’anzianità della casa – ma anche del modo in cui è stata vissuta – è possibile che l’immobile nel quale si abita richiesta interventi più o meno ingenti: cambio dell’arredamento, delle linee elettriche, sostituzione delle finestre e così via. Si tratta delle cosiddette “piccole opere”, ovvero di quei lavori che non modificano il profilo esterno dell’edificio ma che ne migliorano la vivibilità internamente.

mutuo ristrutturazione prima casaTutte le altre modifiche, ovvero il rifacimento della facciata, la costruzione di un altro piano o altre operazioni della medesima portata, rientrano invece fra le “grandi opere”.

La differenziazione è importante perché, nel momento di richiesta di un mutuo per la ristrutturazione della prima casa, la natura delle operazioni ha un certo peso.

Quali documenti presentare

Per richiedere un mutuo per la ristrutturazione della prima casa, è necessario fornire tutta la documentazione tipica di una convenzionale richiesta di mutuo, ovvero:

  • Carta di Identità e Codice Fiscale
  • Stato di Famiglia (e/o permesso di soggiorno per i cittadini stranieri)
  • Atto di matrimonio o di separazione/divorzio
  • Ultime due buste paga oppure cedolino della pensione
  • Ultimo CUD o 730
  • Ultimi due modelli unici o ultimo modello F24
  • Ultimo estratto conto
  • Proposta d’acquisto
  • Rogito del venditore
  • Planimetria catastale
  • Concessione edilizia

E, in più, è necessario consegnare:

  • per gli interventi di manutenzione ordinaria (le “piccole opere”), il preventivo di spesa ad opera della ditta che si occuperà dei lavori
  • per gli interventi di manutenzione straordinaria (le “grandi opere”), il preventivo di spesa, il progetto edilizio (sempre a cura della ditta) e la Dichiarazione di Inizio Attività (DIA). In alcuni casi, sono richiesti anche il permesso di costruire e il contributo di costruzione.

È ovvio che l’azienda alla quale vengono affidati i lavori sia in grado di suggerire la documentazione necessaria al loro cliente.

A quanto ammonta il finanziamento

Nel caso del mutuo per la ristrutturazione della prima casa, il finanziamento vale sino all’80% dell’immobile.

Attenzione: il valore in questione è quello che avrà l’edificio dopo il termine dei lavori e non quello che possiede al momento di richiesta del mutuo.

Condividi:  
 
" Acquisto Casa "


1 Comment

    Lascia un Commento

    You must be logged in to post a comment.

    Registrati alla nostra Newsletter

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER !!