Diversi italiani scelgono di fare investimenti immobiliari, quindi acquistano delle case per poterle poi successivamente affittare ed ottenere così dei profitti dalla loro locazione. Naturalmente per un proprietario possessore di diversi immobili (alcuni dei quali in affitto) sono anche molteplici le spese da fronteggiare, a partire dalle varie imposte da pagare su di essi, come ad esempio Imu, Tasi e cedolare secca (quest’ultima per chi vi aderisce).

Inoltre, non dimentichiamolo, il profitto derivante dall’affitto di un immobile contribuisce anche al reddito complessivo annuo del proprietario e più alto sarà questo e maggiore sarà anche l’aliquota Irpef da pagare. Il possesso di vari immobili è una risorsa importante per il proprietario, ma al tempo stesso un bene prezioso da tutelare. Esistono vari strumenti per farlo, tra cui anche una buona assicurazione, offerta da diverse compagnie o società del settore, che copre sia il proprietario che eventualmente l’inquilino.

Quando si acquista casa è sempre più frequente per i proprietari decidere di stipulare una polizza assicurativa per tutelare la propria casa contro eventuali danni esterni o provocati dagli inquilini, nel caso l’abitazione sia destinata alla locazione. Però non tutti sono al corrente della possibilità anche per gli inquilini di stipulare un contratto che li assicuri e tuteli. L’assicurazione per le case in affitto si può stipulare in qualsiasi momento, ma è preferibile sottoscriverla al momento della firma del contratto di locazione.

La polizza Assicurazione Casa

Questa, così come quella simile prevista per diversi generi di veicoli, rappresenta un’assicurazione per la responsabilità civile. Le società assicurative, in genere, presentano due tipologie differenti: la RC Inquilino, che tutela gli affittuari nel caso di richieste di risarcimento danni, e la RC Proprietario, destinata invece a coprire e proteggere il proprietario dell’immobile in affitto. Ambedue sono importanti, sotto diversi punti di vista, per tutelarsi da varie situazioni.

Tipi di assicurazione e garanzie

Le polizze assicurative per inquilini prevedono il cosiddetto “rischio locativo” e contemplano il risarcimento dei danni causati da incendi, perdite di acqua, fuga di gas, disastri naturali. Queste polizze si dividono in due rami:

  • Danni causati da fattori esterni e indipendenti dall’inquilino;
  • Danni provocati accidentalmente dall’inquilino.

Nel caso in cui i danni siano provocati da fattori esterni, l’assicurazione provvede a rimborsare l’inquilino per i danni subiti ai beni (arredamento, effetti personali…), se invece i danni riguardano l’appartamento in sé, sarà l’assicurazione a carico del proprietario a provvedere (sempre se stipulata).

Nel caso di danni provocati dall’inquilino, l’assicurazione provvede a risarcire il proprietario per quello che gli è dovuto. Nell’eventualità di danni provocati dall’inquilino è opportuno aggiungere alla polizza la garanzia del ricorso terzi, qualora dovessero essere coinvolti beni di altre persone (per esempio i vicini), l’assicurazione provvederà anche al loro rimborso.

È bene ricordare un elemento importante e che giustifica tutto ciò: al momento della firma di un contratto di locazione, il futuro inquilino non acquista unicamente il diritto ad usufruire dell’abitazione, ma si assume anche diverse responsabilità derivanti da tale diritto. Tra queste, il mantenerlo in buone condizioni ed il restituirlo alla scadenza del contratto così come lo si è ricevuto e quindi nelle condizioni originali.

L’immobile quindi non deve presentare danni o modifiche di tipo strutturale e rilevanti, altrimenti l’inquilino non solo dovrà risarcire il proprietario, ma anche pagare le spese per ripristinare le condizioni iniziali in cui ha ricevuto l’abitazione. Tutto questo ha un riferimento importante nell’articolo 1590 del Codice Civile, mentre all’articolo 1588 si chiarisce cosa sia in particolare il cosiddetto “rischio locativo”.

Tale articolo, in sintesi, afferma che l’inquilino è responsabile del deterioramento o perdita della cosa locata e di tutto ciò che vi è all’interno durante il periodo della locazione stessa, qualora non provi che siano dipese da cause a lui non imputabili. Lo stesso è anche responsabile nel caso il deterioramento e la perdita siano determinati da soggetti che egli abbia ammesso all’uso o al godimento della medesima cosa locata.

Solitamente, questo assicurazioni possono variare a seconda della compagnia prescelta e, come quelle di altro tipo, presentano una versione base a cui poi si possono abbinare ulteriori coperture, che naturalmente ne faranno incrementare il costo complessivo, a fronte di più ampie tutele appunto.

Le polizze a “rischio locativo” si possono estendere con l’aggiunta di garanzie. Tra le garanzie più frequenti da includere in una polizza assicurativa per case in affitto si contemplano:

  • Garanzie contro furti, scippi e rapine: si ha la possibilità di essere risarciti in caso di tentativo di furto o reale furto subito o altra violazione del domicilio;
  • Responsabilità civile: copre tutti i membri del nucleo familiare in affitto in caso di danni causati a terzi, inclusi eventuali animali domestici (quest’ultima voce dipende dall’agenzia assicurativa)
  • Tutela giudiziaria e assistenza legale
  • Garanzie per eventi naturali: terremoti, alluvioni, inondazioni, catastrofi ed eventi imprevedibili.
  • Servizi e costi delle polizze assicurative per inquilini

La maggior parte delle agenzie assicurative tendono a offrire e includere nel pacchetto assicurativo anche dei servizi quali “l’aiuto giusto”, vale a dire la consulenza per la ricerca di professionisti qualificati in caso di riparazioni oppure offrono un proprio servizio di riparazioni il cui centralino è aperto 24 ore su 24. In alcuni casi se l’inquilino decide di rinnovare la polizza negli anni, è previsto una sorta di “bonus protezione rinnovo” che prevede la riduzione della franchigia, fino ad azzerarsi, in caso di assenza dei sinistri.

Per le polizze assicurative riguardanti il proprietario dell’immobile, invece, come accennato in precedenza, le coperture sono destinate a rimborsare danni a oggetti personali di terzi, lesioni causate da esplosioni o scoppi, fino addirittura a contemplare il risarcimento nell’eventualità di una morte.

Complessivamente, quindi, alcune tipologie di polizza tendono a coprire i danni provocati a terzi e del tutto involontariamente, escludendo la copertura per danni all’immobile se non dovessero provocare appunto danneggiamenti o ferimenti a soggetti terzi. Altre ancora, invece, includono questo genere di copertura.

A questo tipo di polizza, è possibile e, in alcuni casi, consigliabile aggiungere delle garanzie accessorie, in modo da ampliare le tutele per il proprietario dell’immobile. Tra le garanzie più importanti da questo punto di vista vi sono quelle per furto e incendio; per atti vandalici; per agenti atmosferici estremi (alluvioni ad esempio) e, infine, anche per tutelare da calamità naturali (i terremoti).

I costi e alcune considerazioni finali

I costi delle polizze assicurative variano in base alla metratura dell’abitazione in affitto, la zona residenziale, l’età dell’inquilino e altri fattori e variabili quali la presenza o meno di un antifurto. I costi oscillano dunque tra i 70 € e i 150 € annui.

Naturalmente, maggiori saranno le garanzie accessorie inserite, maggiore sarà l’esborso economico richiesto per questo genere di assicurazione. Tra i fattori più influenti su tali costi, vi sono soprattutto l’area di ubicazione dell’immobile (se centrale o periferica ed anche il tipo di quartiere) e la tipologia ed il valore complessivo dello stesso.

La stipula di un’assicurazione di questo genere, sia da parte di un inquilino che di un proprietario, sarebbe sempre consigliabile, in quanto permette di tutelarsi contro danni di varia natura e richieste di rimborso. Risulta altrettanto importante, prima di sottoscriverne una, valutare le diverse tipologie presentate dalle varie compagnie assicuratrici e le garanzie offerte. In modo da poter individuare quella più adatta alle proprie esigenze o necessità.

Assicura la casa in affitto

Assicurazione case in affitto: tutela e convenienza!
Media voto: 5 (totale voti: 1)