vediamo come si calcola l’IMU 2017 per chi è possessore di seconda casa, prima casa di lusso e altre tipologie di terreni e fabbricatiDopo aver approfondito le scadenze e i criteri di applicazione dell’IMU vediamo come si calcola l’IMU 2017 per chi è possessore di seconda casa, prima casa di lusso e altre tipologie di terreni e fabbricati.

Formula calcolo IMU 2017 seconda casa, prima casa di lusso e altri immobili

L’IMU 2017 si calcola moltiplicando la base imponibile per l’aliquota fissata dal Comune di riferimento.
Per i fabbricati iscritti in catasto la base imponibile si ottiene rivalutando la rendita catastale del 5% e applicando il moltiplicatore previsto dal decreto legge 201 del 2011 per la categoria catastale di riferimento.

Formula calcolo base imponibile IMU:
(Rendita catastale + 5%) x coefficiente di moltiplicazione

Formula calcolo IMU 2017:
Base imponibile x aliquota IMU

Esenzioni e detrazioni IMU 2017 seconda casa, prima casa di lusso e altri immobili

Oltre alle esenzioni e detrazioni IMU prima casa esistono una serie di sgravi fiscali per i possessori di prime case di lusso e di altri immobili.

La base imponibile dell’IMU è ridotta al 50% per:

  • immobili concessi in comodato gratuito a parenti di primo grado
  • fabbricati di interesse storico o artistico
  • fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili, per il periodo dell’anno durante il quale permangono tali condizioni.

L’imposta è scontata del 25% per gli immobili locati a canone concordato.

Per tutti i dettagli è possibile consultare il post sugli sconti IMU 2017 seconde case e prime case di lusso

Per le abitazioni principali di lusso è prevista una detrazione di 200 euro, con la possibilità per il Comune di aumentarla fino a concorrenza dell’imposta dovuta.

Dal 2014 l’IMU non è dovuta:

  • per i beni merce, ossia gli immobili costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, purché non siano locati
  • per i fabbricati rurali ad uso strumentale.

Si raccomanda di verificare se il Comune di riferimento prevede particolari agevolazioni, detrazioni fiscali o esenzioni.

Come si calcola l’IMU 2017 fabbricati: la rendita catastale

Per conoscere la rendita catastale è possibile effettuare una visura catastale gratuita sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Se l’interrogazione non dà risultati è possibile rivolgersi a una delle agenzie presenti sul territorio. Tutti i dettagli nel post sul calcolo della rendita catastale.

Come si calcola l’IMU 2017 fabbricati: i coefficienti di moltiplicazione

I moltiplicatori da applicare alle rendite catastali rivalutate, nel caso di fabbricati iscritti in catasto, sono:

  • 160 per il gruppo catastale A e le categorie catastali C2, C6 e C7, con esclusione della categoria catastale A10
  • 140 per il gruppo catastale B e le categorie catastali C3, C4 e C5
  • 80 per le categorie catastali A/10 e D/5
  • 65 per il gruppo catastale D, con l’eccezione della categoria catastale D5
  • 55 per la categoria catastale C1

Aliquote IMU 2017

Le aliquote IMU vengono deliberate ogni anno dai Comuni. Per conoscere le aliquote applicate dal proprio comune è possibile consultare l’elenco delle aliquote IMU presente sul sito del Ministero dell’economia e delle finanze. Ti consigliamo inoltre di consultare i chiarimenti del MEF per individuare le aliquote IMU e Tasi corrette.

Per il 2016 e il 2017, come precisato dal ministero, i Comuni non non possono stabilire aumenti delle aliquote IMU rispetto alle percentuali applicate nel 2015.

Secondo quanto previsto dal decreto legge 201 del 2011 le aliquote possono oscillare tra i seguenti valori:

  • tra 0,2% e 0,6% per l’abitazione principale di lusso, ossia classificata nelle categorie catastali A1, A8 e A9
  • tra 0,46% e 1,06% per tutti gli altri immobili
  • tra 0,4% e 0,76% per gli immobili non produttivi di reddito fondiario, gli immobili posseduti dai soggetti passivi dell’IRES e gli immobili locati

Come si calcola l’IMU 2017 su terreni agricoli

Per i terreni agricoli la base imponibile dell’IMU si ottiene rivalutando il reddito dominicale del 25% e applicando il coefficiente di moltiplicando il risultato per 135.

Formula calcolo IMU 2017 terreni agricoli:
(Reddito Dominicale + 25%) x 135

Non pagano l’IMU i terreni agricoli:

  • posseduti e utilizzati dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola
  • ubicati nei comuni elencati nella circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993, se accanto all’indicazione del comune è riportata l’annotazione parzialmente delimitato – sigla “PD”
  • ubicati nei comuni delle isole minori di cui all’allegato A della legge 448 del 2001
  • a immutabile destinazione agro silvo pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile

Come si calcola l’IMU 2017 sulle aree edificabili

Per le aree edificabili la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione.

Come si paga l’IMU 2017

Il pagamento dell’IMU può essere effettuato in un’unica soluzione entro il 16 giugno, oppure in due rate: entro il 16 giugno e entro il 16 dicembre.

L’IMU può essere versata con modello F24 o bollettino postale.

Il modello F24 è disponibile presso sportelli bancari, uffici postali e sul sito dell’Agenzia delle Entrate, dove è possibile anche effettuare il pagamento online. Il versamento può essere effettuato anche da intermediari abilitati, come commercialisti o CAF.

Nel modello F24 e nel bollettino sarà necessario indicare:

  • il codice del Comune
  • il numero di immobili posseduti in quel Comune
  • per gli immobili diversi dall’abitazione principale e i fabbricati rurali specificare la quota destinata allo Stato e quella destinata al Comune
  • l’imposta dovuta
Vota l’articolo !