Il bonus risparmio energetico 2018 viene più comunemente chiamato Ecobonus 2018 e si tratta di un bonus che riguarda la riqualificazione energetica. In sostanza sono delle agevolazioni dirette ai contribuenti che danno la possibilità di avere degli sconti Irpef sulle spese che devono sostenere per ottenere una migliore funzionalità energetica in casa o nel condominio in cui vivono.

In questo momento la detrazione che offre questo bonus è del 65% ma si sta aspettando l’approvazione della Legge di Bilancio 2018 per confermare che la detrazione rimanga tale o venga cambiata in altre percentuali.

Ecobonus 2018: le novità previste dalla Legge di Bilancio

Il Governo Gentiloni sta ancora lavorando sulla Legge di Bilancio 2018 ma sulla base di alcune anticipazioni ci sono già molte novità che riguardano la proroga bonus casa del nuovo anno ed in maniera particolare per Ecobonus 2018. Infatti, una delle novità riguarda proprio il bonus risparmio energetico che, per i condomini, dovrebbe essere prorogata per i prossimi 5 anni. Inoltre, si prevedono altre detrazioni fiscali per chi fa dei lavori per la riqualificazione energetica, oltre a quella del 65% che spetta attualmente. Queste detrazioni, saranno calcolate in base ai risultati raggiunti per l’efficientamento energetico del condominio o della casa. Infine, da questo 2018, ci dovrebbe essere l’estensione dell’agevolazione Ecobonus per quanto riguarda la bonifica dell’amianto dai tetti dei condomini e gli interventi effettuati su balconi e terrazze o per il rifacimento delle facciate.

Come funziona il Bonus risparmio energetico

Come abbiamo detto, dunque, il bonus risparmio energetico è un’agevolazione che dà la possibilità di poter beneficiare di una determinata detrazione fiscale da Irpef o da Ires su una spesa che è stata sostenuta per rendere migliore il livello dell’efficienza energetica di una casa o di una parte comune del condominio.

In modo specifico, si può usufruire di questo bonus di riqualificazione energetica solamente nel momento in cui si stanno effettuando dei lavori che sono diretti a ridurre il fabbisogno energetico di un locale per il riscaldamento; migliorare l’edificio sotto l’aspetto termico tramite l’utilizzo di una una coibentazione, la sostituzione dei pavimenti, delle finestre, o degli infissi; istallare una serie di pannelli solari; oppure, infine, sostituire gli impianti di climatizzazione utilizzati nel periodo invernale.

Se, quindi, vi trovate a dover effettuare uno di questi interventi, in casa vostra, per ottenere un risparmio energetico, avrete il diritto di usufruire di questa detrazione fiscale prevista dall’Ecobonus che ammonta al 65% delle spese sostenute.

Anche se ancora in fase di conferma della proroga, comunque, la spesa massima su cui si può avere la detrazione del 65% è di 60.000 euro in caso di schermature solari o di 30.000 euro in caso di impianti per la climatizzazione nel periodo invernale.

Anche in questo caso in via di conferma, è l’estensione dell’Ecobonus domotica che prevede un’agevolazione del 65% per quanto riguarda l’installazione di particolari dispositivi multimediali utili per il controllo a distanza di impianti per il riscaldamento, per la produzione di acqua calda o la climatizzazione delle abitazioni, anche questi finalizzati all’aumento del risparmio energetico. Se avete necessità di ulteriori informazioni riguardanti le detrazioni fiscali è consigliabile consultare la guida disponibile presso l’Agenzia delle Entrate

Percentuali di detrazione e limiti di spesa del Bonus Risparmio Energetico

Anche se si stanno ancora aspettando le percentuali di detrazioni dell’Ecobonus 2018 possiamo farci un’idea delle agevolazioni disponibili analizzando quelle in vigore attualmente:

  • Detrazione del 65% sulla casa per gli interventi effettuate nelle singole case;
  • Detrazione del 65% sui condomini per gli interventi effettuati sugli edifici condominiali e in tutte le case di un singolo condominio;
  • Detrazione del 70% sul condominio in caso di lavori che riguardano le parti comuni di edifici condominiali effettuati all’esterno dell’edificio per una superficie maggiore del 25%;
  • Detrazione del 75% sul condominio se le spese sono state fatte per interventi su parti comuni di edifici condominiali con lo scopo di migliorare le prestazioni energetiche sia estive che invernali.

Precisiamo, inoltre, che il bonus per il risparmio energetico di cui si dispone attualmente, spetta se si effettuano interventi di:

  • Riqualificazione energetica su edifici esistenti con un limite di spesa pari a 100.000 euro;
  • Lavori sull’involucro degli edifici con una spesa massima di 60.000 euro;
  • Installazione di una serie di pannelli solari con un limite di 60.000 euro;
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione di tipo invernale, il cui limite è fissato a 30.000 euro;
  • Installazione delle schermature solari per una spesa di 60.000 euro;
  • Installazione di impianti di climatizzazione per l’inverno con generatori di calore a biomasse combustibili con un limite di spesa di 30.000 euro;
  • Installazione dei dispositivi per il controllo a distanza degli impianti che sono privi di limiti.