compra-vendita-immobili

 

Il disegno di legge Guidi propone l’eliminazione del notaio per l’acquisto o la vendita di immobili non abitativi, che non superino i 100.000 euro.  Il dossier è stato approvato dal Consiglio dei Ministri nel mese di febbraio, ma ha impiegato quarantotto giorni per avere una stesura completa da poter presentare al Parlamento. Il tutto – dicono dal Ministero dello Sviluppo Economico – è stato causato dalla complessità della materia, che ad oggi ha fornito un Ddl composto da 32 articoli e cinque relazioni tecniche.

OBBLIGHI DELL’AVVOCATO

Così come il notaio, l’avvocato avrà l’obbligo di:

  • registrazione dell’atto;
  • note di trascrizione;
  • note di iscrizione;
  • domanda di voltura catastale e annotazione;
  • liquidazione delle relative imposte.

Inoltre dovrà munirsi di polizza assicurativa pari almeno al valore del bene dichiarato nell’atto.

QUANDO IL DDL SARA’ LEGGE

Quando il Ddl diventerà legge “per queste categorie di immobili la proprietà potrà essere trasferita anche con una semplice scrittura privata che diventa ‘titolo sufficiente’ per la trascrizione”. I notai dalla loro vedranno allargarsi il proprio bacino di utenza, in quanto non dovranno più occuparsi solamente del territorio del distretto della Corte d’Appello, ma di tutta la Regione in cui ha sede l’ufficio notarile.

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI: MERCATO IN CRESCITA NEL 2014

L’Agenzia delle Entrate ha da poco diffuso i dati relativi alle compravendite immobiliari, avvenute nel quarto trimestre 2014, evidenziando una crescita media dell’ 1,8% all’anno. Infatti, le compravendite di pertinenza (box, cantine ecc.) risultano in crescita del 4,1%, mentre nel mercato non residenziale parliamo di un rialzo del 14,1%. In particolare, le compravendite sono cresciute maggiormente al Centro (+9,3%) al Nord (+7,5%) e al Sud del 4,7%, rispetto sempre al quarto trimestre del 2013. Roma si conferma vincente, raggiungendo un tasso di crescita del 20% seguita poi con il 18% da Bologna, Torino e Napoli.

Dopo sette anni di calo delle compravendite finalmente si può dire, che il segno positivo che si evince dai dati, faccia ben sperare per la ripresa del mercato immobiliare e per il settore delle costruzioni.

Vota l’articolo !