decreto imu

Il 16 ottobre la Camera ha dato il via libera all’abolizione, a quanto pare definitiva, della tassa sulla prima casa: grazie al Decreto Imu, la tanto famigerata Imposta sugli immobili registrati come prima abitazione sarà presto solo un brutto ricordo.

C’è pero da sottolineare il fatto che lo stesso decreto contiene alcuni interessanti spunti normativi relativi ai mutui ed agli affitti, in particolare le garanzie per i prestiti necessari a chi acquista casa, fornite dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Agevolazioni mutui nel decreto imu

Le agevolazioni mutui continueranno grazie alla liquidità garantita, almeno per il prossimo bienno 2014/15 per il Fondo di Solidarietà Sospensione Mutui.

Stesso discorso per quanto riguarda il fondo di Garanzia per i mutui destinati a famiglie con minori, ai precari, e anche per il Fondo Affitti, destinato ad aiutare inquilini che non sono in grado di pagare il canone per sopraggiunte difficoltà economiche.

Oltre a questa serie di interventi, un’ampia fetta di incentivi saranno destinati ai mutui destinati all’acquisto o alla ristrutturazione di immobili appartenenti ad una particolare classe energetica.

Mutui agevolati per classe energetica

La Cassa Depositi e Prestiti fornirà le garanzie per la copertura dei mutui dedicati ad immobili realizzati secondo i canoni dettati dalle autorità che si occupano di certificazione energetica. Si tratterà di mutui particolari, denominati “cartolarizzati”: in pratica, sono gli stessi mutui subprime, più facilmente spendibili sul mercato, ma che in paesi come gli Stati Uniti portarono ad una forte crisi del mercato immobiliare.

Nel Decreto Imu è però previsto un intervento per salvaguardare il mercato dalla bolla dei subprime: si tratta di garantire, da parte della Cassa Depositi, la disponibilità di due miliardi di euro, ma esclusivamente per immobili di nuova costruzione, con classe energetica A o superiore, o per immobili già esistenti, con classe energetica A, B o C.

Grazie a questi alle garanzie della Cassa Depositi e Prestiti, per l’acquisto della prima casa ad alta efficienza energetica, ci sarà una maggiore opportunità per le famiglie e per i giovani di accedere a dei mutui per i quali le associazioni della banche saranno in grado di contenere l’importo dei tassi di interesse.

Vota l’articolo !