Dall'Agenzia delle Entrate la guida completa alle detrazioni fiscali risparmio energetico

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione aggiornata della guida all’ecobonus 2017, che dà diritto a una detrazione Irpef del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, estesa fino al 75% per le ristrutturazioni su parti comuni condominiali che presentino determinati requisiti. Di seguito una sintesi dei punti principali della guida. Alla fine del post puoi scaricare il documento completo per tutti gli approfondimenti.

Ecobonus 2017: quali detrazioni?

Gli sgravi fiscali, confermati dalla legge di bilancio 2017, consistono in una detrazione Irpef o Ires pari a:

  • 55% per le spese sostenute fino al 5 giugno 2013
  • 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017 per interventi di riqualificazione energetica sulle singole unità immobiliari
  • 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2021 per interventi di riqualificazione energetica su parti comuni condominiali e su tutte le unità immobiliari che compongono il singolo condominio

L’ecobonus 2017 condomini prevede detrazioni più alte nelle seguenti ipotesi:

Per applicare l’aliquota corretta è necessario fare riferimento:

  • alla data del pagamento per le persone fisiche, gli esercenti arti e professioni e gli enti non commerciali
  • alla data di completamento dei lavori per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali

La detrazione viene ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Detrazioni risparmio energetico 2017: interventi e limiti di spesa ammessi

Si ha diritto alle detrazioni fiscali per i seguenti interventi:

  • riqualificazione energetica di edifici esistenti su una spesa massima di 100.000 euro
  • interventi sull’involucro degli edifici esistenti, come pareti e finestre, su una spesa massima di 60.000 euro
  • installazione di pannelli solari su una spesa massima di 60.000 euro
  • sostituzione degli impianti di riscaldamento spesa massima di 30.000 euro
  • acquisto e posa in opera delle schermature solari con spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 per un massimo di 60.000 euro
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 su una spesa massima di 30.000 euro
  • acquisto, installazione e messa in opera di impianti domotici per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda e di climatizzazione con spese sostenute tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2017, in questo caso non ci sono limiti di spesa

Per l’ecobonus condomini 2017 del 70 e 75% il limite di spesa è di 40.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono il condominio.

Detrazioni per risparmio energetico 2017: chi può richiederle?

Gli incentivi fiscali si applicano esclusivamente agli edifici esistenti, di tutte le categorie catastali, compresi quelli rurali o strumentali, ossia utilizzati per attività professionale o d’impresa.

Hanno diritto alla detrazione i titolari degli immobili oggetto di riqualificazione, indipendentemente dalla residenza. In particolare l’Agenzia delle Entrate nella guida elenca:

  • persone fisiche, anche esercenti arti e professioni
  • liberi professionisti e imprese, solo per i fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio della loro attività
  • associazioni tra professionisti
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale

L’Agenzia specifica inoltre che le detrazioni per risparmio energetico si applicano anche alle unioni civili.

Ecobonus 2017 condomini: cessione del credito

La guida approfondisce inoltre requisiti e procedure per:

Ricordiamo che la cessione del credito si applica ai contribuenti incapienti – non tenuti al pagamento dell’Irpef – per le spese relative alla riqualificazione energetica di parti comuni condominiali.

Detrazioni fiscali risparmio energetico: adempimenti necessari

La guida all’ecobonus 2017 comprende inoltre:

  • Approfondimenti relativi alle diverse tipologie di interventi di riqualificazione e ai relativi criteri
  • Indicazione delle procedure e della documentazione necessaria a richiedere la detrazione
  • Regole da seguire nei pagamenti e nella compilazione del bonifico e del bollettino

Per approfondire

Scarica la guida all’ecobonus 2017 dell’Agenzia delle Entrate

Vota l’articolo !