L'andamento del mercato immobiliare nel primo trimentre del 2016 conferma i segnali di ripresa iniziati nel 2015Notizie incoraggianti dal mercato immobiliare: proseguono nel 2016 i segnali di ripresa iniziati lo scorso anno. La scelta di comprare casa coinvolge un numero sempre maggiore di italiani, come indicano i dati relativi all’aumento dei mutui – specie dei mutui a tasso fisso – e la crescita delle compravendite lungo tutto lo stivale.

Tassi di interesse al minimo storico, aumentano i mutui a tasso fisso

Un incentivo a cogliere le opportunità presenti sul mercato è rappresentato dal calo dei tassi di interesse sui mutui per l’acquisto della casa. Nel mese di maggio 2016, come emerge dai dati diffusi dall’Abi – Associazione bancaria italiana, il tasso medio sulle nuove operazioni ha toccato un nuovo minimo storico, scendendo a quota 2,25%. Questo indicatore offre una sintesi dell’andamento dei tassi di interesse sui mutui fissi e variabili e dipende anche dalla variazione della composizione fra le erogazioni in base ai tipi di mutuo. Nel mese di aprile il tasso medio sulle nuove operazioni era pari al 2,29%. Risulta particolarmente evidente il divario rispetto al 2007, quando il tasso medio era pari al 5,72%.

Mutui più convenienti, quindi, attirano i risparmiatori verso il mercato immobiliare, orientando la scelta verso il tasso fisso. Sempre nel mese di maggio 2016 la percentuale di mutui a tasso fisso erogati è risultata pari al 61%, segnando uno stacco rispetto al 2014, quando erano i tassi variabili a registrare una netta predominanza, rappresentando il 79% delle nuove erogazioni.

Andamento del mercato immobiliare: continua la ripresa nel 2016

I segnali di ripresa sono confermati anche dalla nota sull’andamento del mercato immobiliare nel primo trimestre 2016 a cura dell’Osservatorio mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate, che riporta i dati relativi al numero di transazioni di unità immobiliari, ponderate tenendo conto della effettiva quota di proprietà oggetto di transazione. Nei primi tre mesi del 2016 le compravendite sono aumentate del 17,3% rispetto allo stesso periodo del 2015, superando le 244 mila unità.

Il trend positivo coinvolge tutti i settori del mercato immobiliare, confermando le performance registrate nel terzo trimestre 2015, ma con tassi di crescita decisamente più alti in tutti i comparti. Nel dettaglio:

  • Il mercato residenziale presenta l’incremento più elevato con un +20,6%
  • Nel segmento delle pertinenze, che comprende soprattutto immobili al servizio delle abitazioni, si rileva un rialzo del +17,3%
  • Il comparto commerciale, in flessione nell’ultimo trimestre del 2015, torna a crescere con un +14,5%, con aumenti concentrati nelle regioni settentrionali e meridionali
  • Gli immobili a destinazione produttiva, dopo aver registrato risultati negativi in tre trimestri negativi su quattro nel 2015, chiudono il primo periodo del 2016 a +7%. Risultati positivi soprattutto al Centro, dove la variazione è più che doppia rispetto alla media nazionale e pari a +15,3%
  • Il settore terziario, che comprende istituti di credito e uffici, presenta un rialzo di più lieve entità, pari a +1,3%, imputabile soprattutto alle unità compravendute al Nord

Focalizzando l’attenzione sul mercato residenziale si nota una crescita generalizzata in tutto il paese, ma con ritmi diversi. Il Nord continua a trainare la ripresa: le regioni settentrionali rappresentano oltre il 50% del comparto a livello nazionale e aumentano il distacco rispetto alle altre macro aree con una crescita delle compravendite superiore al 24%. Leggermente inferiore la performance del Centro, che con 24.000 unità compravendute è in rialzo del 18,5%. Al Sud, infine, si registra un aumento delle transazioni pari a +16%.
Tra le grandi città la variazione maggiore si registra a Torino, dove il volume delle compravendite sale di oltre il 37% rispetto allo stesso periodo del 2015. Buoni risultati anche per Milano e Genova, con aumenti superiori al 25%. A Roma la crescita del mercato immobiliare residenziale si attesa a +12,5%.

Vota l’articolo !