Per tantissimi italiani riuscire ad acquistare una casa in cui poter vivere serenamente e vedere crescere la propria famiglia resta uno degli obiettivi primari. Tuttavia, non sempre esistono le condizioni economiche che permettano di compiere un passo del genere e quindi riuscire nell’acquisto di un immobile.

E proprio per questo motivo lo Stato e gli istituti bancari cercano attraverso varie iniziative di favorire l’accesso ai mutui. Per alcune categorie di persone, come le giovani coppie ad esempio, sono state ideate particolari agevolazioni per l’acquisto di una prima casa. Tuttavia, non tutti possono accedervi e per questo motivo è fondamentale verificare se si rientra nei requisiti richiesti.

Comunque, esistono anche ulteriori iniziative, sempre realizzate in accordo tra autorità statali ed istituti bancari e finanziari, che sono destinate ad un pubblico più vasto di soggetti e non solo alle giovani coppie. Uno dei più importanti è denominato Plafond Casa e che non solo permette l’acquisto di un immobile come prima abitazione, ma favorisce anche interventi di ristrutturazione sulla stessa, in modo da migliorarne il comfort abitativo ma soprattutto l’efficienza energetica. Andiamo a conoscere meglio tale interessante iniziativa.

In cosa consiste tale piano

A seguito della convenzione sottoscritta già dal lontano 2013 tra l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) e la Cassa Depositi e Prestiti, per alcune categorie di persone è possibile, attraverso il piano Plafond Casa, accedere a mutui (a tassi fissi o variabili) con delle condizioni agevolate, a patto che si rispettino i requisiti richiesti ed il finanziamento sia diretto all’acquisto di un immobile (soprattutto da destinare a prima casa) oppure ad interventi di ristrutturazione sulla stessa oppure ambedue.

I soggetti che possono usufruire dell’iniziativa

Questo piano in pratica è destinato a tutti, ma nell’erogazione dei fondi per un mutuo bancario viene data priorità soprattutto ad alcune categorie di persone:

  • Giovani coppie, sposate o conviventi da almeno due anni, di cui almeno uno dei due componenti abbia meno di 35 anni;
  • Famiglie numerose con almeno tre figli a carico;
  • Nuclei familiari che presentino al loro interno un soggetto diversamente abile, ai sensi della Legge 104/1992;

Caratteristiche del mutuo e destinazione

I finanziamenti vengono erogati dai singoli istituti bancari aderenti all’iniziativa fino ad esaurimento delle risorse economiche disponibili ed il tetto massimo previsto per ciascun istituto è 150 milioni di Euro. Coloro che aspirano ad ottenere quindi dei finanziamenti possono richiedere:

  • Fino a 100.000 Euro per interventi di ristrutturazione di un immobile con accrescimento dell’efficienza energetica dello stesso;
  • Fino a 250.000 Euro per l’acquisto di immobili di tipo residenziale, tuttavia priorità viene offerta per quelli destinati ad essere abitazione principale e con classe energetica A, B o C;
  • Fino a 350.000 Euro per l’acquisto di un immobile e successiva ristrutturazione dello stesso, con annesso accrescimento dell’efficienza energetica.

La durata del rimborso per il finanziamento varia tra i 10 ed i 30 anni in base alla destinazione finale dello stesso. In particolare, decennale per i soli interventi di ristrutturazione immobiliare, mentre tra i 20 ed i 30 anni per l’acquisto dell’abitazione con o senza ristrutturazione annessa.

Come richiedere il finanziamento

I soggetti interessati possono richiedere il mutuo ad una delle diverse banche aderenti al piano Plafond Casa recandosi presso una delle loro filiali sparse sul territorio italiano e compilando il modulo “Richiesta di mutuo ipotecario a banche su provvista Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.”. A questo si devono poi aggiungere anche altri documenti, tra cui un certificato di stato di famiglia.

Su tale modulo, inoltre, si devono indicare le condizioni che permettono l’adesione all’iniziativa (e quindi giovane coppia, famiglia numerosa oppure presenza nel nucleo familiare di soggetto diversamente abile). Effettuata la richiesta, spetterà poi al singolo istituto valutarla ed eventualmente concedere (a sua discrezione, ricordiamolo) il finanziamento al richiedente.

Tra gli istituti bancari che aderiscono a Plafond Casa, vi sono anche quelli principali e più grandi del Paese: Ubi Banca, Intesa Sanpaolo, Bnl – Bnp Parisbas, Cariparma – Crédit Agricole, Banca Sella, Monte dei Paschi di Siena, Banca Carige e Unicredit. A questi poi si aggiungono altri istituti minori.

Comprare casa con il plafond

Plafond casa: scopriamo i dettagli
Media voto: 5 (totale voti: 1)