Il tema della sicurezza in generale ed in particolar modo quella connessa alla propria abitazione è divenuto, negli ultimi anni, molto importante per le persone ed un ambito in cui il progresso tecnologico ha fatto passi da gigante. Al giorno d’oggi, infatti, sistemi computerizzati, telecamere e sensori di ogni tipo sono tra gli elementi principali indispensabili per difendersi da furti o vari tipi di eventi pericolosi, che possono colpire o mettere a rischio una casa e le persone che vi abitano.

Diverse sono le caratteristiche fondamentali di un impianto di sicurezza e gli strumenti ormai richiesti dai soggetti per la protezione della propria abitazione. L’alta tecnologia ormai è divenuta un fattore imprescindibile per questo genere di sorveglianza, come dimostrano, ad esempio, gli allarmi con riconoscimento facciale e vocale oppure i cosiddetti sistemi domotici per abitazioni private e condomini. Comunque, cerchiamo di scoprire quali sono gli elementi più importanti che ciascun impianto di sicurezza deve possedere.

Videosorveglianza interna ed esterna

Per eliminare o quantomeno ridurre le possibilità di un furto all’interno della propria abitazione, fondamentale è l’installazione di telecamere di sorveglianza, sia all’interno della proprietà che al di fuori. Si necessita, in genere, di almeno 4 o 5 di tali occhi elettronici, di cui uno posto all’ingresso dell’abitazione e che possa permettere il riconoscimento (anche da parte di eventuali bambini) di un possibile visitatore.

Altre telecamere vanno posizionate nei pressi del garage e in altri punti della proprietà, per controllare bene le vetture o altri mezzi lasciati all’esterno dell’abitazione ed evitare il loro furto. Naturalmente, questi dispositivi elettronici riversano ciò che vedono su un sistema di registrazione digitale VCR ed il suo hard disk. La connessione poi tra telecamere e VCR può essere di tipo Wi-Fi oppure via cavo.

Sirene d’allarme di vario genere

Un elemento tradizionale di un sistema di sorveglianza che col tempo ha visto un consistente perfezionamento è la sirena sia interna che esterna. Questa è, in pratica, un genere di allarme sia visivo che sonoro (grazie ad un lampeggiante ed una tromba acustica), che permette di attirare l’attenzione di vicini di casa e passanti e, al tempo stesso, segnalare la presenza di eventuali ladri e di violazioni della struttura abitativa.

Tali sirene devono essere installate all’interno di questa e all’esterno. Quelle propriamente da esterno evidenziano un design moderno e adatto ad ogni genere di architettura e, naturalmente, elevata resistenza ai diversi agenti atmosferici. Anche questi dispositivi sono collegati attraverso sistema wireless oppure semplicemente via cavo. Una sirena interna, invece, è inserita nella centralina che gestisce il sistema stesso.

Sistemi di controllo da remoto

Con la diffusione dei vari dispositivi elettronici mobili, quali ad esempio smartphones e tablet, è possibile adesso anche gestire un impianto d’allarme ed effettuare controlli della propria abitazione o singole parti di essa attraverso tali strumenti ed online. Tuttavia, non solo si potrà effettuare tale verifica, ma addirittura ricevere anche eventuali avvisi o segnalazioni (anche sotto forma di sms o foto) di effrazioni di ladri o di altri eventi pericolosi o insoliti (come l’interruzione della corrente elettrica o un guasto al sistema).

Tipologie di segnalazioni

A mettere in pericolo un’abitazione ed i suoi eventuali occupanti non sono soltanto dei ladri, ma anche, come abbiamo detto, altri eventi negativi, quali ad esempio un incendio o un allagamento. Un impianto di sicurezza, di conseguenza, può essere dotato anche di sensori destinati a segnalare eventuali roghi, attraverso il rilevamento di fumo o di calore eccessivo all’interno della struttura e quindi permettere un intervento tempestivo, al fine di evitare conseguenze negative e limitare ogni genere di danni.

Lo stesso sistema può essere utilizzato, attraverso dei sensori diversi, anche per segnalare eventuali gravi allagamenti della casa o anche pericolose fughe di gas, che possono far scattare avvisi ed allarmi. Simili impianti di sicurezza destinati a vigilanza, controllo e segnalazione possono essere installati sia in singole abitazioni che in strutture condominiali, anche grazie alla tecnologia domotica, che permette di connettere tali impianti a smartphones ed altri dispositivi elettronici.

Informazioni utili sui sistemi di allarme

Vota l’articolo !