In questi anni molte persone desiderose di ristrutturare la propria abitazione o semplicemente di effettuarvi degli interventi migliorativi, anche dal punto di vista dell’efficienza energetica, hanno beneficiato dei vari vantaggi fiscali o detrazioni connesse a questo genere di lavori edilizi per la casa, rientranti nel cosiddetto Ecobonus. Altre persone, invece, hanno sfruttato tali agevolazioni per rendere la propria casa anche maggiormente tecnologica, attraverso delle ristrutturazioni innovative.

Tuttavia, non in tutti i casi è possibile ottenere delle agevolazioni o, per meglio dire, non per tutte le tipologie di lavori edili o interventi di ristrutturazione è possibile usufruire, come vedremo, dei totali benefici di natura fiscale. Cerchiamo quindi di scoprire quando non vale l’Ecobonus ed in quali situazioni particolari un utente non potrà usufruire di eventuali agevolazioni od ottenerne in misura minore, sotto forma di rimborso per i lavori effettuati.

L’Enea e la risposta ad un dubbio

A chiarire alcuni dubbi espressi da un utente è intervenuta direttamente l’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) in una cosiddetta Faq di risposta. Il contribuente chiedeva, in pratica, se nell’eventualità di una ristrutturazione profonda di un immobile, era possibile usufruire del cosiddetto Ecobonus anche per un nuovo impianto termico a pompa di calore e per pannelli solari termici.

La risposta dell’agenzia è stata che, nell’ipotesi di una ristrutturazione radicale di una casa, non tutti gli interventi previsti ed agevolati possono beneficiare della totale detraibilità. Tuttavia, proviamo adesso a spiegare meglio ed approfondire che cosa si intenda per “ristrutturazione profonda” e a quali fonti normative si deve fare riferimento in questi casi davvero particolari, per evitare di svolgere lavori sulla propria casa e vedere ottenute solo agevolazioni parziali.

Ristrutturazioni radicali ed Ecobonus

Con tale genere di lavori si intendono quelli in cui un edificio o una struttura abitativa vengono demoliti e ricostruiti oppure quegli interventi di ristrutturazione integrale sempre di edifici, ma con una superficie utile a partire dai 1.000 mq. E l’ente statale chiarisce anche i riferimenti normativi a cui fare particolare attenzione. Innanzitutto l’allegato 3 del Decreto Legislativo 28/2011, che afferma:

“Nel caso di edifici nuovi o di edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso all’energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria” e di svariate percentuali “della somma dei consumi previsti per acqua calda sanitaria, riscaldamento e raffrescamento”.

A tutto questo poi si deve aggiungere anche il comma 4 dell’articolo 11 del medesimo decreto, che chiarisce ulteriormente: “Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati ai fini dell’assolvimento degli obblighi di cui all’allegato 3 del presente decreto accedono agli incentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obblighi”.

In altre parole, l’ente statale ammette alle agevolazioni relative al cosiddetto Ecobonus solo quelle porzioni di spesa relativa all’impianto che produce la quota di energia termica eccedente il limite prefissato di cui abbiamo accennato prima e cioè il 50% dei consumi previsti e relativi all’acqua calda di tipo sanitario e delle diverse percentuali della somma complessiva dei consumi relativi sempre alla stessa tipologia di acqua, al riscaldamento e all’eventuale raffrescamento.

Alcune considerazioni generali

Tale chiarimento, come abbiamo già detto, risulta fondamentale per quei contribuenti intenzionati ad effettuare questo genere di lavori, in quanto i costi sostenuti da essi possono essere considerevoli e nell’ordine di svariate migliaia di Euro. Pertanto, usufruire di un rimborso, almeno parziale, per interventi di tale natura risulta essere un requisito fondamentale, tra gli altri, proprio per decidere di effettuarli

Parlando di Ecobonus

Vota l’articolo !