Il 30 giugno 2017 scatta la scadenza delle valvole termostatiche obbligatorie.termostatiche. Il 31 dicembre 2016 è infatti l’ultimo giorno utile per installare i sistemi di termoregolazione e contabilizzazione

Il 30 giugno 2017 scatta la scadenza delle valvole termostatiche obbligatorie. Il Ministero dello sviluppo economico ha pubblicato una nuova serie di FAQ per rispondere ai quesiti più frequenti. Ecco dunque i chiarimenti del Ministero.

Valvole termostatiche scadenza installazione il 30 giugno 2017

Un condominio che ha deliberato l’installazione delle termovalvole ma non riesce a completare i lavori entro la scadenza prevista, perché l’installatore è pressato da troppe richieste, è passibile di sanzioni?
Il Mise conferma che la scadenza del 30 giugno 2017 è tassativa: entro quella data i sistemi di termoregolazione e contabilizzazione dovranno essere installati. Non è sufficiente la sola deliberazione condominiale. Bisogna ricordare, infatti, che la scadenza del 30 giugno è il risultato di una proroga di sei mesi rispetto alla data originaria.

Valvole termostatiche non obbligatorie: quando scatta l’esenzione

Rispondendo a un quesito relativo a eventuali esenzioni dall’obbligo il Ministero dello sviluppo economico, richiamando l’articolo 5 del decreto legislativo 102 del 2014, ha confermato che è prevista un’esenzione nei casi in cui:

  • sia impossibile installare sottocontatori o sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore
  • oppure l’adeguamento sia economicamente inefficiente e non porti ad un risparmio capace di giustificare i costi sostenuti.

Tale situazione deve essere accertata da apposita relazione di un progettista o tecnico abilitato, che verificherà e documenterà l’impossibilità di installazione o l’inefficienza facendo riferimento alla direttiva UNI EN 15459. Vanno prodotte relazioni specifiche e separate per:

  • sottocontatori
  • termovalvole e contabilizzatori da installare su ciascun calorifero

Il Mise ha chiarito, inoltre, che l’impossibilità di installare le termovalvole deve essere accertata per l’intero condominio o edificio polifunzionale: non è possibile ottenere l’esenzione per una sola unità immobiliare.

Rispetto alle cause che possono determinare un’impossibilità di installazione il Mise ha escluso che il montaggio di pavimenti radianti in una sola unità immobiliare possa essere di impedimento all’adeguamento. Spetterà al condomino che ha modificato l’impianto dotarsi di contabilizzatori diretti, mentre il resto del condominio utilizzerà contabilizzatori indiretti.

Obbligo valvole termostatiche e ripartizione di spese e consumi

Diversi i quesiti posti al ministero in tema di ripartizione delle spese e dei consumi in presenza di termoregolazione e contabilizzazione.

Rispondendo ai dubbi dei cittadini il Ministero ha chiarito che l’obbligo di installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione vige anche se il proprietario dell’edificio è unico, nel momento in cui sorga l’esigenza di ripartire le spese tra più locatari. Riprendendo la definizione del decreto legislativo 102 del 2014 il Mise ha ricordato che per edificio polifunzionale si intende un fabbricato destinato a scopi diversi e occupato da almeno due soggetti che devono dividere la fattura dell’energia elettrica.

Il Mise ha ricordato che il quorum minimo assembleare per deliberare il criterio di riparto degli importi è pari alla maggioranza dei presenti, rappresentanti almeno la metà del valore del condominio.

Non c’è invece un obbligo di suddivisione delle spese secondo la direttiva UNI 10200 in assenza di dispositivi di termoregolazione e contabilizzazione.

Nel conteggio di fine anno dei consumi rilevati, ha specificato il Ministero, non è possibile ricorrere a fattori di compensazione per l’ubicazione sfavorevole di alcune abitazioni, perché non previsti dalla legge.

Installazione valvole termostatiche: ulteriori dubbi

Rispetto agli altri dubbi presentati dai cittadini il ministero dello sviluppo economico ha chiarito che:

  • non è obbligatorio produrre una diagnosi energetica dell’edificio
  • l’obbligo di contabilizzazione si applica anche agli impianti di produzione di acqua calda sanitaria
  • è consentito il funzionamento dell’impianto per tutte le 24 ore solo se è presente un programmatore che consenta la regolazione della temperatura almeno su due livelli

Per approfondire

Scarica le FAQ del Mise sulle valvole termostatiche obbligatorie