L’avvento e la diffusione di computer sempre più potenti e veloci e la rete internet hanno rivoluzionato vari settori delle attività umane e non soltanto professionali. Infatti, una delle applicazioni della tecnologia è avvenuta e sta avvenendo tuttora con le abitazioni private e gli edifici. Non a caso, infatti, si parla di domotica per i condomini. Un termine particolare, forse ancora poco diffuso, ma che pian piano si sta diffondendo e conoscendo.

Tale parola, di cui dopo approfondiremo il significato e le implicazioni, ci permetterà di poter abitare in case ed edifici intelligenti, in cui la tecnologia aiuterà le persone non soltanto a vivere in ambienti migliori e comfortevoli, ma anche in totale sicurezza, sotto ogni punto di vista e aiutando a prenderci cura di animali domestici e piante. Un esempio al riguardo può essere l’irrigazione domotica. Andiamo ad approfondire quindi questo tema davvero interessante ed affascinante.

La tecnologia entra all’interno delle case

Per domotica si intende una disciplina che unisce varie tecnologie (dall’elettronica alle telecomunicazioni, passando per l’informatica) e che integra i diversi sistemi presenti all’interno di una casa o di strutture condominiali, al fine di migliorarne, tra le altre cose, l’abitabilità, il comfort, la sicurezza, non tralasciando neanche l’importante aspetto del risparmio energetico. Essa è nata nei primi anni ’90, con l’intento di applicare all’ambito domestico sia l’automazione propria delle industrie che la tecnologia informatica ed elettronica in rapida diffusione.

In pratica, tale sistema domotico permette di connettere tra loro i diversi impianti di un’abitazione, facendoli integrare ed interagire, al fine di scambiarsi molteplici informazioni e svolgere varie funzioni. Queste posso essere eseguite sia in autonomia (parziale o totale) che sotto programmazione dei proprietari della casa. Questi ultimi, inoltre, potranno effettuare controlli o dare indicazioni al sistema centrale stesso, attraverso un computer o uno smartphone.

Infatti, tale sistema ed i vari impianti, apparecchiature o funzioni che vi fanno parte non sono collegati tra loro attraverso cavi fisici, bensì per mezzo di un circuito separato dall’alimentazione dello stesso sistema. A livello pratico, tutto questo si traduce in una casa intelligente e funzionale sotto diversi aspetti.

Difatti, a livello di sicurezza, l’impianto domotico segnalerà eventuali fughe di gas, incendi o allagamenti; poi potrà richiedere servizi di assistenza medica o di vigilanza e permettere il controllo a distanza di tutti gli ambienti domestici e segnalarne eventuali violazioni. A livello di elettrodomestici, si potrà programmarne il funzionamento coordinato oppure lo spegnimento di alcuni di essi di notte, in assenza delle persone o in caso di temporale.

Importanti anche le funzioni connesse alla climatizzazione della struttura. Da questo punto di vista, il sistema potrà adeguare la temperatura di una casa in base al livello di umidità percepito; attivare il suo funzionamento in presenza di persone o agli orari di rientro di queste (in pratica il preriscaldamento) o spegnere alcuni elementi in caso di infissi aperti. Tutto ciò favorirà anche un considerevole risparmio energetico, nell’ordine del 20-30%.

Building Automation, la tecnologia negli edifici

La domotica si può applicare non soltanto alle singole abitazioni, ma ad interi edifici e condomini. In questo caso, prende il nome di “Building Automation” ed i benefici e le funzionalità di tale sistema potranno essere applicate ed ampliate a grandi strutture. Si pensi, ad esempio, agli impianti di controllo posti agli accessi di un edificio oppure alla climatizzazione automatica e controllata della struttura o, ancora, all’illuminazione delle parti in comune e alla loro accensione automatica in caso di presenza di persone.

I benefici per singoli condomini saranno vari e considerevoli, anche a livello economico. Basti pensare al risparmio energetico prodotto. Inoltre, per la realizzazione di simili impianti è possibile usufruire di detrazione fiscale per la domotica di una casa o di un edificio, in quanto rientra nell’ambito della riqualificazione energetica e pertanto detraibile fino al 65% della spesa sostenuta. Di conseguenza, tale tecnologia intelligente può essere già parte della nostra vita quotidiana e renderla ancora più sicura e confortevole.

Tecnologia e sicurezza, ecco la domotica per i condomini
Vota l’articolo !